esecuzioni nel mondo:

Nel 2018

0

Dal 2000 a oggi

0

legenda:

  • Abolizionista
  • Mantenitore
  • Abolizionista di fatto
  • Moratoria delle esecuzioni
  • Abolizionista per crimini ordinari
  • Impegnato ad abolire la pena di morte

BOLIVIA

 
governo: repubblica presidenziale
stato dei diritti civili e politici: Parzialmente libero
costituzione: 12 febbraio 1967, aggiornata nel 1994. Nuovo testo costituzionale adottato il 7 febbraio 2009
sistema giuridico: si basa su quello spagnolo e sui codici napoleonici
sistema legislativo: bicamerale, Camera dei Senatori (Camara de Senadores) e Camera dei Deputati (Camara de Diputados)
sistema giudiziario: Corte Suprema
religione: 95% cattolici, 5% protestanti
braccio della morte:
Data ultima esecuzioni: 0-0-0
condanne a morte: 0
Esecuzioni: 0
trattati internazionali sui diritti umani e la pena di morte:

Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici

Primo Protocollo Opzionale al Patto

Secondo Protocollo Opzionale al Patto (per l'abolizione della pena di morte)

Convenzione sui Diritti del Fanciullo

Convenzione contro la Tortura ed i Trattamenti e le Punizioni Crudeli, Inumane o Degradanti

Convenzione Americana sui diritti umani

Convenzione Inter-Americana contro la Tortura

Statuto della Corte Penale Internazionale (esclude il ricorso alla pena di morte)


situazione:
La Costituzione della Bolivia, all’articolo 17, vieta la pena di morte. Il Codice Penale del 1973, approvato sotto il regime militare di allora, ha previsto la pena di morte fino a quando, nel marzo del 1997, il Parlamento ha adottato la legge 1768 che l’ha formalmente abolita per tutti i crimini ordinari e per i reati contro la sicurezza dello stato, allineando il Codice Penale alla costituzione e facendo della Bolivia un paese completamente abolizionista.
La costituzione prevede al massimo 30 anni di carcere per parricidio, omicidio e tradimento.
L’ultima esecuzione è avvenuta nel 1974.
Nel 1999 durante un dibattito al Congresso la maggioranza dei parlamentari ha respinto una legge che intendeva ristabilire la pena di morte.
Il 19 dicembre 2016, la Bolivia ha nuovamente votato in favore della risoluzione per una moratoria delle esecuzioni capitali all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, ma non ha confermato la co-sponsorizzazione.

 

Americhe