esecuzioni nel mondo:

Nel 2018

0

Dal 2000 a oggi

0

legenda:

  • Abolizionista
  • Mantenitore
  • Abolizionista di fatto
  • Moratoria delle esecuzioni
  • Abolizionista per crimini ordinari
  • Impegnato ad abolire la pena di morte

GUYANA

 
governo: Repubblica parlamentare
stato dei diritti civili e politici: Libero
costituzione: 6 ottobre 1980
sistema giuridico: si basa su quello inglese con riferimenti al diritto romano-olandese
sistema legislativo: monocamerale, Assemblea Nazionale
sistema giudiziario: Corte Suprema di Giustizia con diritto di appello finale alla Corte Caraibica di Giustizia
religione: 50% cristiani, 28% hindu, 7% musulmani, altro
metodi di esecuzione: impiccagione
braccio della morte: 25, http://guyanachronicle.com/2017/02/07/25-now-sit-on-death-row
Data ultima esecuzioni: 0-8-1997
condanne a morte: 0
Esecuzioni: 0
trattati internazionali sui diritti umani e la pena di morte:

Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici

Primo Protocollo Opzionale al Patto

Convenzione sui Diritti del Fanciullo

Convenzione contro la Tortura ed i Trattamenti e le Punizioni Crudeli, Inumane o Degradanti

Statuto della Corte Penale Internazionale (esclude il ricorso alla pena di morte)


situazione:
Omicidio e tradimento sono crimini capitali.
Nel 2010, il Parlamento della Guyana ha abolito la pena di morte obbligatoria per chi commette omicidio, salvo alcune eccezioni: l’omicidio di membri delle forze dell’ordine in servizio, appartenenti al personale carcerario, magistrati e ufficiali giudiziari, testimoni, giurati popolari.
Il 30 dicembre 2015, il Parlamento ha approvato una legge che prevede la pena di morte obbligatoria per atti di terrorismo con conseguenze mortali.
La Guyana è uno Stato indipendente nell’ambito del Commonwealth che ha tagliato ogni legame con il Comitato Giudiziario del Privy Council di Londra sin dal 1970. È tra gli undici firmatari dell’accordo del 2001 volto a stabilire una Corte Caraibica di Giustizia, sostitutiva del Privy Council come corte d’appello di ultima istanza nella regione. La Corte Caraibica di Giustizia è stata inaugurata a Trinidad il 16 aprile 2005 e la Guyana è uno degli Stati che hanno già deciso di passare alla sua giurisdizione.
Le ultime esecuzioni sono avvenute nell’agosto del 1997, quando due persone, Mike Archer e Peter Adams, sono state impiccate per un tentativo di rapina finito tragicamente.
Nel 2016, è stata emessa una nuova condanna a morte e 23 prigionieri erano nel braccio della morte alla fine dell’anno, secondo il Governo.

Il 20 giugno 2016, il Presidente della Guyana David Granger, nel corso del suo consueto programma televisivo settimanale "L'interesse pubblico", ha chiarito la sua posizione sul tema della pena di morte in Guyana, affermando che non ha intenzione di giustiziare nessuno. Secondo il Presidente, la pena di morte rimane nelle leggi con il governo che deve ancora decidere se abolirla o meno.
"Non ho intenzione di giustiziare nessuno. Alcune persone ritengono che la pena di morte sia un deterrente; altre ritengono che non lo sia, ma non ho intenzione di approvare alcuna esecuzione".
Ha detto che nel governo c'è una differenza di posizioni e non esiste una posizione univoca sull’abolizione a cui si arriverà a tempo debito.

La guerra al terrorismo
Il 30 dicembre 2015, il Parlamento della Guyana ha approvato una legge anti-terrorismo che prevede la pena di morte obbligatoria per atti di terrorismo con conseguenze mortali e permette la consegna di sospetti verso altri Paesi.
Il Ministro della Pubblica Sicurezza Khemraj Ramjattan ha detto durante il dibattito parlamentare che la legge era necessaria per evitare che il Paese diventi un rifugio per i terroristi. “Tempi duri richiedono misure dure”, ha detto Ramjattan durante il dibattito.
Il partito di governo ha utilizzato la sua maggioranza di un seggio per far passare la legge, mentre tutti i membri dell’opposizione si sono astenuti, dichiarando che le disposizioni che consentono la pena di morte violano i diritti umani. Ramjattan ha respinto le richieste di rimozione delle clausole sulla pena di morte, dicendo che tale pena “avrebbe avuto un effetto dissuasivo” sui potenziali trasgressori.

La pena di morte nei confronti delle donne
Le donne incinta son escluse dall'esecuzione per la ratifica del Patto Internazionale sui diritti civili e politici e per quanto previsto dalla sez 164 del codice di procedura penale. 

Le Nazioni Unite
Il 28 gennaio 2015, la Guyana è stata esaminata nell’ambito della Revisione Periodica Universale da parte del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite. Per quanto riguarda l’abolizione della pena di morte o l’istituzione di una moratoria, il Governo ha fatto presente che, pur non avendo raggiunto il punto di abolire la pena di morte, le discussioni continuavano. La Guyana ha quindi accettato le raccomandazioni di prendere in considerazione tutte le misure necessarie per introdurre una moratoria de jure delle esecuzioni capitali e continuare ad avanzare verso l’abolizione della pena di morte.
Il 19 dicembre 2016, la Guyana ha nuovamente votato contro la risoluzione per una moratoria delle esecuzioni capitali all’Assemblea Generale. delle Nazioni Unite.

 

Americhe