esecuzioni nel mondo:

Nel 2018

0

Dal 2000 a oggi

0

legenda:

  • Abolizionista
  • Mantenitore
  • Abolizionista di fatto
  • Moratoria delle esecuzioni
  • Abolizionista per crimini ordinari
  • Impegnato ad abolire la pena di morte

LAOS (Repubblica Democratica Popolare Lao)

 
governo: stato comunista
stato dei diritti civili e politici: Non libero
costituzione: 14 agosto 1991, emendata nel 2003
sistema giuridico: si basa su norme consuetudinarie e sul sistema francese
sistema legislativo: monocamerale, Assemblea Nazionale
sistema giudiziario: Corte Suprema del Popolo
religione: 65% buddista; 33% animista; minoranze cristiane
metodi di esecuzione: plotone d'esecuzione
braccio della morte: almeno 89 (www.deathpenalty.org)
Data ultima esecuzioni: 0-0-1989
condanne a morte: 0
Esecuzioni: 0
trattati internazionali sui diritti umani e la pena di morte:

Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici

Convenzione sui Diritti del Fanciullo

Convenzione contro la Tortura ed i Trattamenti e le Punizioni Crudeli, Inumane o Degradanti (solo firmato)


situazione:
La pena di morte è prevista per tradimento, spionaggio, terrorismo, rapina aggravata, rapimento, reati economici e omicidio.
Tortura e maltrattamenti sono molto diffusi nelle carceri laotiane e consistono in minacce di morte e false esecuzioni, detenzione in isolamento, soffocamento, quasi annegamento, uso di elettroshock, bruciature con sigarette ed esposizione a temperature estreme.
I cristiani laotiani sono stati oggetto di una dura persecuzione a partire dal 1998. Molti di loro sono stati imprigionati e pressioni e persecuzioni sono state messe in atto in tutto il paese. Alcuni fedeli sono stati costretti a sottoscrivere forme di abiura dalla loro religione. Alcuni altri sono stati messi alla prova e costretti a partecipare a rituali animisti, fumare, bere alcol e sangue.
Secondo funzionari governativi, non si effettuano esecuzioni dal 1989.
Nel 2016 sono state comminate 3 nuove condanne a morte, tutte per droga.

La guerra alla droga
Il 9 aprile 2001, l’Assemblea Nazionale del Laos ha approvato un emendamento al codice penale del 1990 che introduce la pena di morte per traffico di droga. L’emendamento prevede la condanna capitale per produttori, distributori, spacciatori e possessori di eroina, oltre che per trafficanti di anfetamine o metanfetamine. La sentenza di morte sarebbe assicurata a quelli trovati in possesso di oltre 500 grammi di eroina o più di 3 chili di metanfetamine.
Prima della nuova legge per reati di droga erano previste pene dai dieci anni all’ergastolo, a seconda della quantità di droga posseduta. Il Laos è il terzo maggior produttore di oppio nel mondo ed è usato come base per la produzione di metanfetamine. Il governo ha annunciato di voler riportare il paese ad essere una "drug-free zone" entro il 2015.

La pena di morte nei confronti delle donne
L'articolo 32 del codice penale proibisce la pena di morte nei confronti delle donne incinte secondo l'obbligo che deriva al laos quale Stato parte del Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici.

Le Nazioni Unite
Il 20 gennaio 2015, il Laos è stato riesaminato nell’ambito della Revisione Periodica Universale da parte del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite. Nel suo Rapporto Nazionale, il Governo ha comunicato che, nel processo di redazione di un nuovo codice penale, l'elenco dei reati capitali sarà rivisto per essere in piena conformità con l'articolo 6 del Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici. Tuttavia, il Governo ha detto che il Paese ha bisogno ancora di mantenere la pena di morte come misura eccezionale, con l'obiettivo di dissuadere e prevenire i reati più gravi. Il Governo ha tenuto a ribadire che, sebbene il diritto penale preveda la pena di morte, il Laos ha praticato una moratoria sul suo uso da lungo tempo e ogni anno il Presidente della Repubblica concede amnistie, riduzioni di pena o clemenza a un gran numero di detenuti.
Il 19 dicembre 2016, il Laos si è astenuto nuovamente sulla Risoluzione per una moratoria delle esecuzioni capitali all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

 

Asia, Medio Oriente, Australia e Oceania