esecuzioni nel mondo:

Nel 2018

0

Dal 2000 a oggi

0

legenda:

  • Abolizionista
  • Mantenitore
  • Abolizionista di fatto
  • Moratoria delle esecuzioni
  • Abolizionista per crimini ordinari
  • Impegnato ad abolire la pena di morte

PORTOGALLO

 
governo: repubblica semi-presidenziale
stato dei diritti civili e politici: Libero
costituzione: 25 aprile 1976, rivista più volte
sistema giuridico: si basa sul diritto civile; il Tribunale Costituzionale esamina la costituzionalità delle leggi
sistema legislativo: monocamerale, Assemblea della Repubblica
sistema giudiziario: Corte Suprema, i cui giudici sono nominati a vita dal Consiglio Superiore della Magistratura
religione: 84,5% cattolici, 2,2% altri cristiani, altre minoranze
braccio della morte:
Data ultima esecuzioni: 0-0-0
condanne a morte: 0
Esecuzioni: 0
trattati internazionali sui diritti umani e la pena di morte:

Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici

Primo Protocollo Opzionale al Patto

Secondo Protocollo Opzionale al Patto (per l'abolizione della pena di morte)

Convenzione sui Diritti del Fanciullo

Convenzione contro la Tortura ed i Trattamenti e le Punizioni Crudeli, Inumane o Degradanti

Convenzione Europea per la Protezione dei Diritti Umani e delle Libertà Fondamentali

Sesto Protocollo alla Convenzione Europea per la Protezione dei Diritti Umani e delle Libertà Fondamentali, relativo all'abolizione della pena di morte eccetto che per atti commessi in tempo di guerra o nell’imminenza di una guerra

Tredicesimo Protocollo alla Convenzione Europea per la Protezione dei Diritti Umani e delle Libertà Fondamentali, relativo all'abolizione della pena di morte in tutte le circostanze

Convenzione Europea per la Prevenzione della Tortura e dei Trattamenti e Punizioni Inumane e Degradanti

Statuto della Corte Penale Internazionale (esclude il ricorso alla pena di morte)


situazione:
La Costituzione (1976), all'art. 24 afferma: "La vita umana è inviolabile. In nessun caso sarà applicata la pena di morte".
Il Portogallo ha abolito la pena di morte per reati ordinari nel 1867. L'ultima esecuzione è avvenuta nel 1849.
Il 3 ottobre 2003, il Portogallo ha ratificato il Tredicesimo Protocollo alla Convenzione Europea sui Diritti Umani che vieta la pena di morte in tutte le circostanze. E’ entrato in vigore il 1° febbraio 2004.
La Costituzione portoghese non consente l'estradizione verso paesi in cui il massimo della pena detentiva supera quello previsto in Portogallo (dove non è previsto neanche l'ergastolo) o in cui vi sia la pena capitale.

Il 19 dicembre 2016, il Portogallo ha nuovamente cosponsorizzato e votato in favore della risoluzione per una moratoria delle esecuzioni capitali all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.
Il 29 settembre 2017, il Portogallo ha votato a favore della risoluzione sulla pena di morte (L6/17) alla 36° sessione del Consiglio diritti umani.

 

Europa