IRAN: TRE CONDANNATI A MORTE PER LE PROTESTE DI NOVEMBRE

Il giudice Abolqassem Salavati

24 Febbraio 2020 :

Un Tribunale Rivoluzionario di Teheran ha condannato a morte tre persone arrestate nel corso delle proteste anti-regime dello scorso novembre, ha riportato Radio Farda il 23 febbraio 2020.
I tre sono stati condannati in processi svolti a porte chiuse dal noto giudice ultraconservatore Abolqassem Salavati.
Il gruppo per i diritti umani Human Rights Activists News Agency (HRANA) ha identificato i tre come Amir Hossein Moradi, Mohammad Rajabi e Saeed Tamjidi.
Un aumento triplo dei prezzi della benzina nel novembre 2019 ha scatenato in Iran un'ondata di proteste che presto si sono trasformate in disordini anti-Repubblica Islamica in 29 province del Paese su 31.
Oltre alla pena di morte, Salavati ha condannato Moradi a quindici anni di carcere e 74 frustate con l'accusa di "complicità in rapina a mano armata aggravata" e a un anno di reclusione per "attraversamento illegale del confine".
Salavati ha condannato gli altri due ragazzi, Rajabi e Tamjidi, a dieci anni di carcere e 74 frustate ciascuno per "complicità in rapina a mano armata aggravata" e a un anno di reclusione per "attraversamento illegale del confine".
La HRANA sostiene che i prigionieri siano in realtà semplici manifestanti e che siano stati costretti dalle autorità a rendere false confessioni.
I documenti raccolti da HRANA mostrano che Amir Hossein Moradi, 26 anni, lavorava come venditore di telefoni cellulari, computer e software a Teheran quando è stato arrestato.
"Il 19 novembre, Amir Hossein Moradi è stato identificato e arrestato dai servizi di sicurezza (attraverso l'osservazione di filmati di TV a circuito chiuso). Moradi è stato messo in isolamento nel reparto 240 della prigione di Evin per un mese. Gli agenti della sicurezza lo hanno picchiato durante l'interrogatorio", ha denunciato la HRANA.
Citando una fonte vicina alla famiglia di Moradi, HRANA ha riferito che il ragazzo ha detto alla sua famiglia di essere stato attaccato con una pistola “stordente”, minacciato di essere posto più tempo in isolamento e di aver ricevuto un’offerta di cure mediche in cambio di una falsa confessione.
Anche Rajabi, 26 anni, e Tamjidi, 28enne studente di ingegneria, sono stati maltrattati e costretti a confessare una serie di crimini dal personale che li interrogava.
Sulla base del verdetto del giudice Salavati, i tre avranno un altro processo il 3 marzo 2019, tuttavia i loro avvocati sostengono che le loro sentenze siano definitive.
Una fonte vicina alle loro famiglie, che vuole rimanere anonima, ha dichiarato alla HRANA che i detenuti sostengono che la maggior parte delle accuse siano false e di aver confessato sotto tortura. I tre giovani hanno aggiunto: "Eravamo stanchi dell'ingiustizia nel Paese e siamo andati in strada per protestare".

 

altre news