USA - Nevada. Paul Browning è stato scarcerato oggi dopo 33 anni nel braccio della morte.

15 Settembre 2019 :

Paul Browning è stato scarcerato oggi dopo 33 anni nel braccio della morte. Browning, oggi 63 anni, nero, venne condannato a morte nel 1986 con l’accusa di aver ucciso un gioielliere, Hugo Elsen, nel corso di una rapina nel suo negozio l’8 novembre 1985. La condanna a morte venne annullata dalla Corte Suprema di stato nel 2004 perché all’imputato era stato assegnato d’ufficio un avvocato con solo un anno di esperienza, il quale non aveva controinterrogato né il principale testimone dell’accusa, né gli agenti di polizia quando, in aula, avevano esposto la loro ricostruzione dei fatti. Una seconda giuria condannò di nuovo a morte Browning nel 2007 utilizzando le stesse prove del primo processo. Dopo una ulteriore serie di ricorsi il 20 settembre 2017 (vedi) una corte d’appello federale (la Corte d’Appello del 9° Circuito) aveva annullato il processo alla radice, annullando il verdetto di colpevolezza con la doppia motivazione del comportamento scorretto della pubblica accusa (che aveva tenuto nascoste circostanze favorevoli alla difesa) e dell’inadeguata assistenza legale. Nel marzo 2019 il giudice Douglas Hern della Clark County aveva annullato l’imputazione di omicidio, in quanto l’unico testimone dell’accusa era nel frattempo deceduto, e quindi non era più sanabile l’errore dell’avvocato che durante il primo processo non lo aveva controinterrogato. Il 21 agosto 2019 il giudice Hern ha ordinato la scarcerazione di Browning prendendo atto che i ricorsi della pubblica accusa contro la sua decisione di invalidare le imputazioni avrebbero portato via ancora molto tempo.

 

altre news